Un viaggio alla scoperta di Seoul tra modernità e tradizione

Eccoci arrivati al terzo appuntamento di gennaio, un mese ricco di consigli per rendere epici i vostri viaggi, d’altronde è sempre il momento giusto per preparare una valigia ed esplorare nuove terre. Per questo motivo sostravel.com è pronto a portarvi alla scoperta di una nuova meta ricca di tradizione, modernità e tanta cultura. Siete curiosi di scoprire quale sia? Ve lo sveliamo subito: sostravel.com oggi vi porta in Corea del Sud e precisamente a Seoul. Siete pronti per scoprire insieme la magia di questa città culla della modernità coreana?

Seoul: “la calma mattutina”

Prima di iniziare il nostro viaggio alla scoperta della Corea del Sud vi sveliamo una piccola curiosità: sapevate che l’ideogramma del suo nome significa “la calma mattutina”? eh già, proprio così. La visita di questo Paese permetterà di vivere un’esperienza unica che si divide tra modernità e passato, tra ordine e civiltà. Visitando la Corea potrete conoscere tutte le comodità di un Paese avanzato e allo stesso tempo scoprire il lato esotico dell’Estremo Oriente composto da architettura e soprattutto tanta spiritualità. La Corea del Sud è la culla dell’arte sciamanica. Ma andiamo in ordine e cominciamo ad esplorare il lato moderno di questo Paese e per farlo non si può non partire proprio dalla sua capitale: Seoul.

Skyline di Seoul, Corea del Sud
Skyline di Seoul, Corea del Sud

Adagiata sulle rive del fiume Han che la divide in due si tratta di una città dalla doppia vita: caotica durante il giorno e super affascinante alla sera. Una megalopoli cool dalle origini antichissime che nel corso della sua storia ha subito numerosi cambiamenti e che oggi si presenta, agli occhi di tutti, come una città ultramoderna con un cuore legato alla tradizione coreana. Tra le testimonianze moderne presenti in città si trovano principalmente la N Seoul tower e il parco storico di Dongdaemun.

N Seoul Tower a Seoul

Con i suoi 245 metri di altezza la N Seoul Tower conosciuta come Namsan Tower è una delle attrazioni più sorprendenti dell’animo moderno di Seoul. Una torre nata come luogo di trasmissione per inviare segnali TV e che dal 1980 ricopre il ruolo di luogo di aggregazione e polo culturale. Da qui è possibile godere di un panorama mozzafiato sull’intera capitale. Il secondo esempio di modernità è invece il parco storico-naturale di Dongdaemun in cui potrete ammirare il gigante edificio argentato a forma di astronave spaziale. Al suo interno si trovano biblioteche, sale conferenze, un museo del design, un design market e numerose esposizioni. Si tratta dunque di un centro in cui design e innovazione si incontrano per dare vita alla natura futurista del Paese.

 Scorcio del Bukchon Hanok Village
Scorcio del Bukchon Hanok Village

Bukchon Hanok Village , l’isola medievale

Nonostante questa visione futurista tra caos e grattacieli, Seoul racchiude al suo interno un’anima tradizionalista percepibile soprattutto all’interno del Bukchon Hanok Village: un’isola medievale immersa tra i grattacieli. Un piccolo rifugio per chi vuole entrare in contatto con la cultura di questo Paese e soprattutto conoscerne a fondo la storia. I restauri effettuati nel corso degli anni hanno reso questa zona più moderna e funzionale ma nonostante ciò continua ad essere caratterizzata dal suo fascino originale. Tra le vie di questo quartiere troverete numerosi negozietti dove poter acquistare oggetti tradizionalisti oppure, per chi vuole immergersi totalmente nell’atmosfera, noleggiare uno degli abiti tradizionali ovvero l’hanbok. Se indosserete questo abito potrete inoltre accedere gratuitamente ai palazzi reali presenti nelle vicinanze.

Palazzo Gyeongbokgung a Seoul

Tra i palazzi reali più importanti della città troviamo il Gyeongbokgung residenza reale della dinastia Yi del periodo Joseon della Corea. Un palazzo che contiene al suo interno numerose sale tra cui quella del trono, dove i re accoglievano i loro ospiti reali e la Sala Hyangwonjeong, luogo tranquillo per la meditazione. Tra gli altri troviamo l’Anggyonggung, nato come residenza reale nel corso del dominio giapponese è stato trasformato in un parco cittadino.

Tempio buddista di Bongeunsa
Tempio buddista di Bongeunsa

Oltre ai palazzi reali a Seoul si trovano inoltre numerosi templi in cui poter riscoprire a pieno la natura spiritualista del Paese, tra questi lo spettacolare tempio buddista di Bongeunsa fondato nel 794 dal monaco Yeon-hoe. Fin da sempre i templi sono i luoghi in cui ogni coreano si rifugia per liberare il suo senso innato di spiritualità interiore che ispira ogni momento della sua vita. Buddismo e Confucianesimo infatti, influenzano la vita di ogni abitante di questo paese creando in loro un sistema etico e morale e una filosofia di vita che stanno alla base della loro capacità di governare al meglio ogni momento della vita.

Sostravel.com vi ha portato alla scoperta di questo Paese e in particolare della sua capitale Seoul, una delle megalopoli più grandi del pianeta caratterizzata da un ordine in cui modernità e tradizione si fondono restituendo ad ogni turista un’esperienza unica. Sostravel.com vi dà appuntamento alla prossima settimana con la quarta delle mete scelte per rendere i vostri viaggi ricchi di esperienze epiche.